mercoledì 27 marzo 2013

L'aldilà e tu vivrai nel terrore

L'aldilà è il capolavoro assoluto di Lucio fulci, o per meglio dire il suo miglior film horror, per diverse ragioni: prima tra tutte la storia che ti incatena sulla poltrona, poi la tensione palpabile presente in ogni scena e per ultimo gli effetti splatter che nonostante siano passati ben trent'anni dall'uscita del film risultano ancora oggi spettacolari.
E' il terzo episodio della trilogia della morte, stilisticamente ci troviamo di fronte a un opera monumentale, che  non ha avuto l'accoglienza che meritava alla sua uscita, eppure guardandolo un anno fa, mi sono accorta di una cosa, avevo di fronte a un opera cinematografica stilisticamente impeccabile che in pratica cattura sia noi spettatori che guardiamo il film - lo voglio rivedere perchè voglio provare le stesse sensazioni che ho provato l'anno scorso quando lo vidi la prima volta - che i personaggi che sono dentro il film, e questo succede quando i film sono davvero dei capolavori di un genere.
La potenza scaturita dalle immagini è talmente forte che ti da la sensazione di entrare dentro il film e di discendere agli inferi come i protagonisti, perchè il film è proprio questo.
Una discesa agli inferi senza possibilità di trovare la luce, o senza un briciolo di speranza, il film racconta di una giovane ragazza Liza, che ereditando un albergo riapre un antica maledizione legata al libro Eibon, sotto l'albergo c'è una porta dell'inferno che è stata aperta, una ragazza cieca la invita ad andare via e rifiutare di sistemare l'albergo, ma quando Liza capirà sarà ormai troppo tardi per tornare indietro.
Più che il cast di attori questo film si ricorda della regia, sceneggiatura, scenografie, ed effetti gore splatter, sono questi i punti di forza di questo grande film.
E dobbiamo ringraziare tutti quei bloggers che rivalutano questi piccoli gioielli nascosti, semidimenticati e li fanno conoscere alle nuove generazioni.
Se volete sapere come è un vero horror guardate questo film, lasciate perdere quei filmetti amatoriali che vanno tanto di moda oggi, perchè questo SI che è un horror, anzi è un signor horror,


L'inizio del film è spettacolare, con l'omicidio di un pittore che credono compia riti di magia nera, completano il tutto con la crocifissione poi il film parte con Liza che avendo ereditato l'albergo lo vuole restaurare, e subito accadono strani incidenti.
L'arrivo della ragazza cieca che dovrebbe aiutare Liza a non continuare l'albergo mettendola in guardia del pericolo che sta per accaderle, lei non la ascolta e sarà la fine.
Un opera d'arte in tutti i sensi, un film che tutti gli appassionati di horror dovrebbero guardare e collezionare, appena posso cerco il dvd originale e comincio finalmente la collezione.
Buona visione a chi non l'ha visto.

2 commenti:

  1. Il Capolavoro! Non avrò mai il coraggio di parlarne anche io!

    RispondiElimina
  2. ah si? E' bello parlarne, io lo voglio rivedere, mi sa che uno di questi giorni lo rivedrò ^_^

    RispondiElimina